mercoledì 12 dicembre 2007

Elogio dell'adolescenza...


Nel post "Elogio della lentezza", riporto una frase di Cassano che dice:
"Bisogna imparare a star da sé e aspettare in silenzio, ogni tanto essere felici di avere in tasca soltanto le mani."
Mi è venuta alla mente una splendida poesia del giovane Arthur Rimbaud: la dedico a tutti quelli che hanno (o hanno avuto e se lo ricordano bene) diciassette anni...

La mia bohème (Fantasia)

"Andavo, i pugni stretti nelle tasche sfondate,

Ed anche il mio cappotto diventava ideale;

Andavo sotto il cielo, Musa, ero il tuo fido;

Oh, quanti amori splendidi ho mai sognato allora!

Negli unici calzoni avevo un largo squarcio.

-Pollicino sognante, spargevo, nel mio errare

Rime. L'Orsa Maggiore mi faceva da ostello.

-Le mie stelle nel cielo dolcemente frusciavano

Le ascoltavo, seduto ai lati delle strade,

In quelle sere miti di settembre e sentivo le gocce
Di rugiada sul viso, come vino gagliardo;
E, rimando nel cuore di fantastiche tenebre,

Tiravo, come fossero lire, gli elastici

Delle scarpe ferite, col piede accanto al cuore! *1)

Aggiungo pochi versi tratti da "Roman" (Romanza):

"Nessuno è molto serio quand'ha diciassett'anni.
I caffé strepitanti dalle luci splendenti,
Le bibite e la birra d'improvviso t'annoiano,
E allora vai a spasso per il viale dei tigli.
(...)
Sei dunque innamorato (fino al mese d'agosto),
Sei dunque innamorato. -I versi la fan ridere.
Gli amici ti abbandonano perchè manchi di gusto,
Ma un giorno l'adorata si è degnata di scriverti!...

-Ma quella sera... torni nei caffé luminosi,
Di nuovo ordini birra, oppure limonata...
Nessuno è molto serio quand'ha diciassett'anni,
E quando sono verdi i tigli del passeggio".

Se conoscete il francese, ovviamente leggerlo ha un altro fascino. Io l'ho scoperto grazie a un libro regalatomi edito da Feltrinelli. Traduzione e note di Ivos Margoni, testo originale con traduzione a fronte.





2 commenti:

Mirco ha detto...

Dobbiamo aver la capacità di rimaner adolescenti a tutte le età....
Mirco

dibì ha detto...

Sono d'accordo.Penso che non bisognerebbe mai perdere quel modo particolare di essere innamorati della vita proprio dell'adolescenza, quando vuoi cambiare il mondo e sei sicuro di potercela fare... Grazie per il commento, Mirco, e benvenuto!